Abr's blogs and posts

...Daily links and food for thoughts ............... It's my Town ............ My weekly columns Abr's No Comment My Town Abramo Rincoln the zombie hunter

Abr's No Comment

Apologia del Grillismo

Chiedo venia ma trovo francamente difficile capire tutto questo stracciamento di vesti "right" riguardo all'outing politico dell'antipolitico Grillo; se sbalio mi corigerete.
Prima di tutto non capisco tutta 'sta sorpresa: c'erano dei dubbi che il comicante prima si sarebbe fatto pagare il biglietto e poi, resosi conto che il pecorame non ama solo le tosature - altrui - ma anche e soprattutto i cani pastore, sarebbe "sceso in campo"?
Secondariamente capisco l'ironia, il sarcasmo, il distinguo dal populismo in salsa sudamericana del Grillo da parte del centrodestra, ma non l'ostilità: averne di Grilli per la testa così nella sinistra, bisognerebbe incoraggiarli!
Lo dice persino Mannheimer oltre alla logica che "il partito del Marchese (del Grillo)" porterebbe via qualche punto percentuale alle sinistre. Il ragionamento però non è solo biecamente tattico, della serie "il nemico del mio nemico è mio amico". Provo a spiegarmi.
Assioma (cioè verità fondamentale e self evident): Grillo non è una causa, è un sintomo.

Il fenomeno Grillo nasce a sinistra e si potenzia con l'evidente, litigioso e livoroso fallimento in un solo anno della sinistra unitaria di governo, dalla necessità di archiviare rapidamente il consociativismo in salsa prodi-mocristiana che ha scontentato tutti. Per come è configurata la politica a sinistra, fallimento a governare è crisi del partitismo organizzato pesante, il loro cavallo di battaglia preferito.
Non è tutto purtroppo per la sinistre: il Grillismo guarda caso si rafforza parallelamente agli sforzi di Fassino per lanciare un Partito, il Piddì, che non viene nè dall'alto nè dal basso bensì dal mezzo (degli Apparati). Più i giornalai targati Rcs e Rep., trattano quell'esperimento di fecondazione eterologa come fosse innovativo, con tanto di prodotti baronali a supporto per dare una dignità teorica al "liberalismo di sinistra", più il popolo di sinistra si disaffeziona. Siamo arrivati al come volevasi dimostrare:
Teorema: Grillo rappresenta la metastasi dell'esperienza sinistra (di lotta e contemporaneamente) di governo.
Lo stato putrescente della "Politica" partitizzata non è colpa di Grillo; al contrario, Grillo esiste solo perchè la sinistra di governo è l'apoteosi del partitismo. Grillo insomma è solo il termometro che certifica la fine della sinistra al governo, bocciata dal suo stesso popolo.

E qui arriviamo alle dolenti note: perchè tanti esponenti anche delle gerarchie del Centrodestra condannano tuonanti il Grillo che devasta la sinistra? Non sarà piuttosto che anche a Destra c'è chi teme la "antipolitica" in sè?
Sono infatti perfettamente consci che il virus dell'antipolitica è resident nella leadership del Centrodestra e pure nel suo popolo, che non vedrebbe l'ora di spazzar via datati e inefficienti caciccati post democristi e post socialisti. Validi ai loro tempi per carità, quando la logica dei Blocchi contrapposti giustificava un "premium price" alla fedeltà di schieramento Occidentale; oggi non c'è più trippa per gatti, dobbiamo contare solo sulle nostre forze, per cui efficienza ed efficacia prego.
Tutti lì a occhi chiusi orecchie tappate a urlare scuotendo la testa, per non prendere atto che è tutta la politica italica, non questo o quel protagonista, che "iam fetet".
Perchè è evidente che se basta un Pecoraro qualsiasi per bloccare tutto, la causa non è certo la sua perversa genialità ma l'inestricabile sistema di pesi e contrappesi creati dalla politica per IMPEDIRE DI PRENDERE DECISIONI.

Facile nascondersi dietro all'equivalenza Partiti-Democrazia (?!); errori arroganze e soperchierie di alcuni (in realtà di molti, ognuno al suo livello) non significherebbero che il modello rappresentativo così com'è s'è (auto-)configurato qui e ora, sia da eradicare; basterebbe solo cambiare protagonisti e qualcuna delle regolette e, tutto d'un tratto, vivremmo felici e contenti...
Tranne poi sentirsi dire: "si ma anche voi quando siete stati al governo non avete concluso nulla o quasi". Tesi riconducibile allo stesso problema: per quello che si può fare in Italia, la Destra al governo ha fatto pure troppo (Biagi, legge obiettivo, Moratti, politica estera, pensioni, sussidiarietà, modifica costituzione, (mini-)riduzione fiscale, ...).
Se è comunque chiaro che piuttosto che quelli al governo adesso è meglio piuttosto, è altrettanto evidente per quanto detto sinora che anche cambiando facce non si può ottenere granchè.
Ecco allora la valenza di un'antipolitica "right", fatta da chi la saprebbe fare per vocazione (il vero uomo di destra odia la politica e lo Stato, ci lavora solo per ridurli).
Del resto, chiunque abbia conosciuto un assessore o un sindaco sa che per amministrare la cosa pubblica non servono geni, master o gran letture teoretiche, basta un pizzico di onestà e tanto pragmatismo.
Solo un approccio così nobilmente "antipolitico" potrebbe dissolvere in una risata le farneticazioni di un laido commediante bavoso; altrimenti tra elicotteri consulenze e parentame, destra o sinistra che sia, si avrà sempre un bel daffare a ogni Grillo che salta. E poi toccherà pure dire che ha sempre ragione e che grazie a lui i treni arrivano in orario.

7 commenti:

camelot destra ideale ha detto...

Ti dirò, a me due cose - soprattutto - impressionano.
La prima: se è vero che questo qui pescherebbe voti soprattutto tra gli elettori potenziali del Pd, cosa diamine è 'sto Pd? Un ricettacolo di giustizialisti, veteroambientalisti che vogliono il blocco dello sviluppo economico e di ogni processo di modernizzazione? E se questo vgliono gli elettori potenziali del Pd, gli elettori della sinistra radicale cosa chiedono?
Secondo: mi preoccupa e non poco, il fiume carsico di menzogne che l'uomo ha gettato sulla Biagi, il fatto che non abbia voluto un confronto con Ichino.
Sono razionali le persone che "credono" a Grillo, visto che si lasciano ammaliare dalle sue menzogne?

Abr ha detto...

Credo proprio sia così: la gente ama chiudere gli occhi tapparsi le orecchie e far blablabla per non sentire, non confrontarsi. Non vuol sentire ragioni.
Ma tutto questo prescide da Grillo, lui è solo un sintomo non una causa.

Otimaster ha detto...

C'è di buono che quell'odioso di Grillo ci ha stimolati a parlare di problemi e soluzioni, sarebbe ora di passare dai partiti del decidere a quelli del fare.

La Tv della Libertà ha detto...

Gentile autore,

ti comunichiamo che il tuo post, ritenuto particolarmente valido dalla nostra redazione, è segnalato nella homepage della Tv della Libertà, all'interno della sezione dedicata alla blogosfera.

Il fine è quello di segnalare ai nostri lettori i contenuti più validi rintracciati nella blogosfera, soprattutto sugli argomenti che saranno oggetto delle nostre inchieste.

Nel caso tu fossi contrario a questa iniziativa, ti preghiamo di segnalarcelo via e-mail a questo indirizzo chiedendo la rimozione del tuo post. Provvederemo immediatamente.

Distinti saluti,

La Redazione-web della Tv della Libertà.
web@latvdellaliberta.it

Abr ha detto...

Master è esattamente un termometro che segnala un interessante innalzamento di temperatura - nel popolo che ha la sinistra partitocratica come riferimento... chissà.

Tnxs alla Tv delle Libertà.

Anonimo ha detto...

Sveglia amici!!!

Lo sapevate che il debito pubblico è una truffa colossale ai danni del popolo sovrano e che consiste nella stampa e nella emissione a costo zero, dal nulla e senza copertura, di denaro, da parte delle banche centrali (BCE., FEED, Bankitalia S.P.A, ecc. - banche private e non pubbliche come vorrebbero farci credere), che viene poi prestato al suo valore nominale e con gli interessi(in cambio di titoli di stato), agli stati nazionali i quali, anzichè stampare moneta "preferiscono" farsela dare in tal guisa dai banchieri, per i bisogni della collettività?

Lo sapevate che le tasse che sborsa il popolo "bue" per pagare questo debito-truffa e i relativi interessi servono SOLO ad arricchire le banche e chi ci sta dietro e... a lato?

Se non ci credete, cercate su internet la parola "signoraggio".

Scoprirete una realtà sconvolgente!

(già in Tocqueville se ne parla!)

Abr ha detto...

Yahwn .. già sappiamo grazie. Mai sentito parlare di "convenzioni"?

Ne quid nimis blog

Today's Birthday

Quote of the Day

Mother

- The Father Blog

Ne quid nimis - T



- The GrandFather Blog:

Ne quid nimis - T
Find 2005 archives here