Abr's blogs and posts

...Daily links and food for thoughts ............... It's my Town ............ My weekly columns Abr's No Comment My Town Abramo Rincoln the zombie hunter

Abr's No Comment

Decidi dicci'

Il risultato del voto e’ stato 150 favorevoli, 152 contrari, 2 astenuti (voto che al Senato vale contrario). E' l'esito del voto sull’emendamento alla Finanziaria a firma Calderoli (chi altri, nella palude degli avvocaticchi parlamentari di lungo e depresso corso, sarebbe in grado di mettere in crisi la maggioranza a soli colpi di ordine del giorno o emendamento? Alla faccia di quelli che la Lega sarebbe becera e senza cervello).
Il testo voleva emendare la legge sulla riduzione dei ministeri - ma solo a partire dal prossimo governo - e recitava che dal primo gennaio 2008 il numero dei ministri, viceministri e sottosegretari sarebbe stato ridotto a 50 unita’ in tutto. Peccato per la bocciatura, sia nel contenuto che nella forma: e' stata l'occasione nel corso di questa Finanziaria in cui una maggioranza teoricamente "allo sbando", in realta' coesa - e non dalle sparate del Cav. ma dalla convenienza - piu' ha rischiato di cadere.
Un momento, l'Opposizione in Senato dovrebbe contare 157 voti, quindi contando i due astenuti c'erano almeno cinque assenti, chi erano? Risposta: Rocco Buttiglione, Calogero Mannino, Antonio De Poli e Lorenzo Poli e Mauro Cutrufo; cioe' quattro Udc e un Dc-aut. L’assenza di questi senatori U(-boot)dc e’ stata fatale per la bocciatura dell’emendamento che avrebbe posto fine al governo Prodi, subito o al massimo col nuovo anno, "per legge".

Certo che, mettetevi nei panni di un vecchio democristianone tipo Casini, come si fa a mandare a casa Prodi per merito dei Leghisti? E perdippiu' realizzando la profezia del Cav. sulla caduta del Governo?
Nooo, sia mai: che il Paese soffra con Prodi ancora per un mese o per tre anni, e' problema del Paese, mica il loro. Non si puo' certo chiedere alla loro democristianeria intrinseca di rinunciare alle doti di gran navigatori nell'ombra, in nome del "bene del Paese" ...
Infatti parafrasando il furbacchione tra i militi di "Mediterraneo", per i centristi "c'e' fermento": 'sta storia del Piddi' in disperata cerca di sponde e interlocutori promette bene, e' l'humus giusto per coltivare i loro sogni di smarcamento da soffocanti maggioranze e maggioritari.
Il fatto e' che Veltroni non puo' certo contare su Prodi: come in certe coppie anni Settanta alla film di Tognazzi, i due per ora servono a vicenda e si sorridono in pubblico, ma in realta' si cornificherebbero e caverebbero gli occhi.
Notare che la battaglia interna tra i due "flaccidi imbroglioni" (d'Alema dixit) e' iniziata con un uno a zero palla al centro per Prodi: triplice sputtanescion per il Sindaco di Roma, prima colpevole di lassismo criminogeno nella sua citta', poi tacciato di criminalizzare tutti i Rom-eni dal primo ministro di quel Paese, infine bocciato senza colpo ferire nelle sue richieste di legge&ordine al "suo" governo.
Altro fatto da annotare per quelli che "il Governo cade perche' a Veltroni conviene"; nella realta' il Governo regge perche' conviene ai Dicci'.

7 commenti:

Otimaster ha detto...

Fa così fatica a cadere questo govern che comincia a farmi paura.

Abr ha detto...

.. o inizia a farti paura questa minoranza, Master? ;)

Otimaster ha detto...

Chi lo sa, forse hai ragione non mi ci trovo troppo bene.

Ismael ha detto...

Più dura la "prodeide", più il centrodestra vince facile nelle elezioni intermedie (comunali, provinciali, regionali).
Allo stato attuale non c'è di più o di meglio per cui rallegrarsi sul fronte destro: ecco, forse è questa constatazione a farmi un po' paura...

gabbianourlante ha detto...

come si chiamano quelli che "galleggiano"? ecco, siamo lì.... e casini è ridicolo a dire ad ogni angolo di strada, vogliamo far cadere prodi....

Abr ha detto...

Inizio a concordare Master, a parte i soliti noti "centristi" di cui da tempo narro le gesta, anche dagli altri fronti non mi pare nascano molte idee. A parte el trovate estemporaneee ma efficaci dello svillaneggiato Calderoli, che da solo vale cinquanta Schifani duecento Bondi e mille Cicchitto.


Vero Ismael, l'apparato periferico avra' di che consolarsi. Ma noi non molto ...

Gabbiano, l'acqua e' poca e la papera ....

Anonimo ha detto...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

Ne quid nimis blog

Today's Birthday

Quote of the Day

Mother

- The Father Blog

Ne quid nimis - T



- The GrandFather Blog:

Ne quid nimis - T
Find 2005 archives here