Abr's blogs and posts

...Daily links and food for thoughts ............... It's my Town ............ My weekly columns Abr's No Comment My Town Abramo Rincoln the zombie hunter

Abr's No Comment

Light my fire

Come ogni anno il Sud d'estate brucia i suoi boschi. Colpa del caldo e dei "piromani" no? Dàgli allora, ecco il solito inasprimento delle pene che serve solo per i giornalai beoti che adorano farsi prendere per i fondelli, per farlo a loro volta coi lettori (c'è stato un solo incriminato, nemmeno condannato, in tutti questi anni di leggi "esemplari").
Tutte balle, se ancora una volta i boschi bruciano in Calabria e non in Trentino ovviamente c'è il suo bel perchè; come ogni anno si fingerà di non capirlo e anche l'anno prossimo la musica sarà sempre la stessa: c'mon baby light my fire.
- Prendiamo la Calabria come caso emblematico di regione del Sud: ha subìto 761 roghi sinora, pur pagando 10.000 forestali circa che costano 240 milioni di euro l'anno (che pagano i Pantaloni Lombardo-Veneti, unici italiani a dare al Centro più di quanto ricevano dallo Stato). Ovviamente tutti quei soldi vanno via in stipendi, per cui rimane niente per migliorare i mezzi in dotazione. Soldi buttati per niente a parte, evidentemente la Calabria pullula di piromani, al punto che un forestale ogni 57 ettari di bosco non riesce a starci dietro.
- Il Trentino invece possiede la superficie forestale di Sicilia e Calabria messe insieme e riesce a governarle (molto bene) con 1.000 persone in tutto; eppur non brucia, si vede che il piromane lassù non s'ambienta bene ...

Lasciando le chiacchiere ai boccaloni che guardano i Tiggì, i dati come spesso capita la raccontano tutta. La realtà politicamente scorretta è che al sud c’è un business molto più redditizio del turismo dietro agli incendi e al successivo rimboschimento.
Il turismo infatti, checchè ne pensino i nostri geometri e avvocaticchi politicanti, e come invece ben sa la gente di laggiù, mica arriva solo grazie a quant'è bello u'mare: richiede investimenti, infrastrutture, iniziativa, dedizione e cura dell'ambiente: una indefessa tensione verso il decoro che, very sorry, non pare appartenere alla mentalità comune laggiù.
Laggiù piuttosto si preferisce dire: "Se è vero che ci vogliono dai 60 ai 100 anni per «rimpiazzare» i boschi distrutti dal fuoco, allora c’è lavoro per tutti e per sempre".
Todos caballeros forestales insomma, costasse tenere ancora a lungo la loro Terra nella solita mm ... senza speranza. Il problema insomma è "ambientale", non è il fantomatico piromane cui Pecoraio e Wwf dànno demagogicamente la caccia con tanto di taglie.
Volete risolvere il problema calabro per davvero? Ecco come: licenziare subito 9.000 forestali, soprattutto tra gli ultra-cinquantenni, vietando ogni lavoro stagionale di rimboschimento; garantito che l'anno prossimo non brucerà un fiammifero. Dura da farsi? E allora ditelo che non ci sono le palle per far digerire la cura: facciano come il governo precedente, su ispirazione aennina-udiccina, paghino ma senza raccontare la gran balla dei piromani.
E Pantalone intanto paga, se lo diciamo però siamo "razzisti": oltre al danno la beffa.
Questo è il risultato fin che prevale la mentalità terrificante secondo cui lo Stato deve "proteggere i deboli" e reprimere i reprobi (purchè politicamente scorretti ancorchè fantomatici, tipo "i piromani") piuttosto che incentivare i comportamenti virtuosi e diffondere le "best practices".

0 commenti:

Ne quid nimis blog

Today's Birthday

Quote of the Day

Mother

- The Father Blog

Ne quid nimis - T



- The GrandFather Blog:

Ne quid nimis - T
Find 2005 archives here